Cappotto termico interno o esterno: vantaggi e svantaggi

  • 2 mesi fa
  • 1

Cappotto termico interno o esterno: vantaggi e svantaggi

Di seguito, vi proponiamo un articolo redatto da immobiliare.it che analizza tutti i vantaggi e gli svantaggi collegati all’utilizzo del cappotto termico per gli edifici, facendo riferimento anche ai costi di quest’ultimo.

Cappotto termico: il nome lo suggerisce chiaramente qualcosa che avvolga e mantenga la giusta temperatura, proprio come il capospalla che iniziamo a indossare con i primi freddi.

Chiamato anche “isolamento a cappotto”, questo sistema consiste in una serie di strati isolanti che possono essere applicati sia esternamente sia internamente agli edifici, in modo da garantire loro un migliore isolamento, non solo termico, ma anche acustico.

Perché dotarsi di un cappotto termico: i vantaggi

I vantaggi sono molteplici ed evidenti: il cappotto permette di isolare in modo più efficace una struttura, favorendo il mantenimento di una corretta temperatura, sia in estate, quando isola dal caldo, sia inverno, quando isola dal freddo.

Migliore isolamento della struttura significa anche risparmio energetico, con benefici per le tasche del proprietario di casa e per l’ambiente. Infine, una casa dotata di cappotto acquisisce maggiore valore e permette una migliore valutazione e quindi contrattazione in caso di vendita.

 

Rimani sempre aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter

 

Cappotto termico interno

Il cappotto termico interno prevede l’applicazione di pannelli isolanti sulle pareti interne di casa.

Benché i pannelli per l’isolamento interno siano di spessore più ridotto rispetto a quelli per l’isolamento esterno, comporteranno necessariamente una riduzione degli spazi.

Tra i vantaggi offerti da questa soluzione troviamo, invece, un minore costo e tempi di posa più brevi rispetto al cappotto termico da esterno.

Questa soluzione viene tendenzialmente preferita nei palazzi di città, dove è più difficile intervenire sulle pareti esterne o per la coibentazione del tetto.

Cappotto termico esterno

La variante esterna di questa soluzione presenta diversi vantaggi, fra cui:

  • un maggiore isolamento;
  • una protezione ulteriore da possibili danni alle pareti esterne, come crepe o muffa;
  • la riduzione dei ponti termici, ossia le zone fredde generate da discontinuità costruttive.

Il cappotto termico esterno trova una forte applicazione in piccoli edifici, in ville unifamiliari e per le facciate dei condomini.

Tra gli svantaggi di questa soluzione i costi più elevati, legati anche alla necessità di avere maggiori quantità di materiale, e un tempo di posa superiore.

I costi

I costi per realizzare l’isolamento a cappotto variano in base alla tipologia e alla posizione.

In linea di massima, però, le cifre si attestano tra i 30 e i 35 euro al metro quadrato per un cappotto esterno sul tetto e tra i 20 e i 30 euro al metro quadrato per un cappotto interno.

Sulla facciata i costi vanno dai 25 ai 35 euro al metro quadrato sia per il cappotto interno sia per il cappotto esterno.

 

FONTE: immobiliare.it

 

 

Rimani sempre aggiornato iscriviti alla nostra Newsletter

Partecipa alla discussione

Confronta annunci

Confronta