Riscaldamento a pavimento, tutti i vantaggi e gli svantaggi.

  • 4 mesi fa
  • 1

Riscaldamento a pavimento, tutti i vantaggi e gli svantaggi.

Riscaldamento a pavimento tutti i vantaggi e gli svantaggi nell’interessante analisi che avviene nel seguente articolo.

Il riscaldamento a pavimento è una soluzione che molte persone ritengono adeguata mentre altre lo considerano non proporzionato alle esigenze del singolo individuo.

Di seguito analizzeremo le caratteristiche dell’impianto cercando di mettere sulla bilancia vantaggi e svantaggi che esso comporta e che possono essere significativi nell’influenzare l’acquirente, partendo però, dal presupposto che non è possibile avere una risposta universale al quesito: “Conviene adottare il metodo del riscaldamento a pavimento?”.

Come funziona il riscaldamento a pavimento

 

Il sistema di riscaldamento a pavimento detto anche “a pennelli radianti” effettivamente non rappresenta una vera e propria innovazione, in quanto, si tratta di una riscoperta di un sistema in voga tra gli anni ’50 e ’70, migliorato ovviamente con l’uso delle nuove tecnologie che ne consentono una funzione più efficace.

Elementi costitutivi dell’impianto sono: le tubazioni, il pannello isolante, il foglio in PVC congiuntamente al pannello isolante, la caldaia, i collettori ed in fine il massetto.

Tale sistema è composto da una serie di tubazioni (nel caso di impianto ad acqua a circuito chiuso) o resistenze elettriche (nel caso di impianto elettrico), disposte sotto il pavimento ed appoggiate su pannelli isolanti. Attraverso l’irraggiamento, i pannelli trasmettono quindi calore in modo uniforme dal basso verso l’alto e omogeneo cioè non in modo maggiormente concentrato in prossimità dei termosifoni come accade nei sistemi di riscaldamento tradizionali. 

In vendita con la nostra agenzia immobiliare, il seguente immobile in vendita a Poggiardo nel Salento (visita il link) è un valido esempio di abitazione con impianto di riscaldamento a pavimento Bi-Zona

Casa in vendita a Poggiardo, clicca per maggiori informazioni e virtuale tour.

Riscaldamento a pavimento: i numerosi vantaggi

I vantaggi del riscaldamento a pavimento sono molteplici.

Uno dei tanti vantaggi che caratterizza il sistema di riscaldamento a pavimento è soprattutto la convenienza economica; si parte ovviamente da un costo di acquisto più elevato( circa il 50% in più rispetto ai sistemi di riscaldamento  tradizionali ) che verrà ammortizzato con l’utilizzo dell’impianto e successivamente si continuerà a risparmiare e la possibilità di utilizzare le energie rinnovabili  rafforza ancora di più questa tesi.

Un secondo vantaggio è dato dal fatto che questo sistema può convertirsi anche in un impianto di raffrescamento, semplicemente con l’immissione di acqua fredda al posto dell’acqua calda.

Altro carattere determinante è l’uniformità della diffusione del calore e che permette di avere un confort …

Inoltre, il quarto vantaggio è dato dal fatto che l’aria con il sistema di riscaldamento a pavimento, non si riscalda e conserva quel tasso di umidità indispensabile per fare cadere le particelle nocive nell’aria quindi meno polveri, acari e muffe. Il tutto con garantisce benefici per la nostra salute ed è consigliato per soggetti allergici.

Riscaldamento a pavimento, le (poche) criticità

 

Anche qui, per quanto riguarda gli svantaggi risalta il valore economico, che rispetto ad un impianto classico può aumentare del 30% o del 50%, ma che come già spiegato sopra viene ammortizzato in pochi anni.

Ulteriore critica è rappresentata dai possibili danni che possono presentarsi nel corso degli anni alle tubazioni e che obbligano a rimuovere una parte del pavimento, naturalmente, in caso di guasto alle tubature, è indispensabile avere conservato una piantina del progetto per minimizzare gli impatti di un intervento.

Inoltre, l’impianto va tenuto acceso almeno per un giorno affinché riscaldi l’ambiente e va tenuto in funzione una volta raggiunta la temperatura desiderata, questo appunto esplicita il fatto che il sistema non può essere utilizzato ad intermittenza nel corso della giornata. . Chi passa pochissimo tempo a casa potrebbe quindi ritenerlo una soluzione poco adeguata alle proprie esigenze.

Infine, vanno segnalate la necessità di alzare la pavimentazione di almeno 5 cm per l’installazione, cosa che potrebbe non essere incompatibile con la struttura dell’appartamento, oltre al rischio riguardante il parquet che se non dovesse essere ben posato potrebbe sollevarsi per i parquet posati a regola d’arte, tuttavia, tale problema non si pone.

 

 

Partecipa alla discussione

Confronta annunci

Confronta